0

TREKKING ED ESCURSIONI

Escursioni e uscite di trekking nei dintorni

Podere La Branda BioAgriResort, sulla via Francigena del Lazio,  propone durante tutto l’anno uscite di trekking ed escursioni vicino Viterbo presso alcuni siti naturalistici e archeologici nelle vicinanze:

Complesso di S. Maria di Forocassio

Posto a circa 1 km a sud del ns. agriturismo, lungo la via francigena del Lazio, la chiesa di S. Maria di Forocassio sorge sui resti del “Forum Cassii” che, in epoca romana, è stato il più importante nucleo abitato del territorio di Vetralla.
L’insediamento nacque inizialmente come stazione lungo la via Cassia ed è probabile che sia stato impiantato contemporaneamente all’apertura della consolare (intorno alla metà del II secolo a. C.).
Sono vestigia archeologiche romane un tratto della Cassia e suo diverticolo, resti di monumenti sepolcrali e varie strutture pertinenti a ville, a terme e a cisterne.
Nel Medioevo la Cassia divenne parte della via Francigena, che faceva da collegamento tra l’Europa del nord, l’Italia settentrionale e Roma, ancora oggi percorsa da numerosi pellegrini.
Il complesso è formato da una serie di edifici che si sono aggiunti nei secoli all’antica chiesa di Santa Maria. Già ampliata col rifacimento romanico, la Chiesa è stata coronata, su entrambi i lati, da una serie di ambienti annessi che hanno cambiato la loro funzione nel corso del tempo.
L’interno della Chiesa, a navata unica terminante con 3 piccole absidi, è ricco di pitture realizzate tra l’XI e il XVII secolo.
Sulla controfacciata è visibile una monumentale Crocefissione divisa in 3 sezioni.
L’abside centrale mostra i resti di 2 strati di intonaco sovrapposti, nel primo dei quali sono riconoscibili le figure di 10 apostoli, distribuiti ai lati di una monofora contornata da una fascia rossa. Grazie ai recenti restauri, sono tornati alla luce diversi dipinti: un affresco con San Benedetto da Norcia, databile alla prima metà del XII secolo; un ritratto di Innocenzo III con scene di Santi che vanno dal XIV al XVII secolo e 2 affreschi raffiguranti la Madonna in Trono col Bambino affiancata da una Crocefissione, entrambi attribuiti a un giovane Masaccio di passaggio nel suo viaggio verso Roma, durante l’anno giubilare 1423.

Poco distante dal complesso, è raggiungibile l’area del Fossato Callo, con affioramenti geologici e fontanili recentemente recuperati e utilizzato nel periodo estivo per esposizioni d’arte a “cielo aperto”.

Via Francigena Lazio | Trekking ed escursioni Viterbo| Escursioni Viterbo
Via Francigena Lazio | Trekking ed escursioni Viterbo| Escursioni Viterbo

Eremo di S. Girolamo

Immerso nella splendida faggeta del Monte Fogliano, uno dei maggiori rilievi che delimitano a ovest il complesso vulcanico che ospita il Lago di Vico, ed a circa 1 chilometro dal Convento di Sant’Angelo, si trova l’Eremo di S. Girolamo. Il piccolo complesso è interamente scavato in una ammasso roccioso vulcanico che emerge dal terreno della faggeta, che è stato fittamente lavorato nel tempo per creare ambienti, ripari, sedili, piattaforme e passaggi.

Il luogo fu dimora di Fra Girolamo Gabrielli che, sebbene nato da una nobile famiglia senese, nel 1525 si ritirò in questo luogo in penitenza. Deciso a dedicare tutta la sua vita alla meditazione e alla preghiera scelse il monte Fogliano come luogo dove costruire un romitorio rupestre e vi fece lavorare della manovalanza grazie ai mezzi fornitigli dalla sua facoltosa famiglia. La storia vuole che il romitorio fu in seguito depredato e il santo malmenato ad opera di una banda di malfattori. Girolamo Gabrielli decise di tornare a Siena, donando però tutti i suoi beni ai poveri.

E’ possibile raggiungere l’eremo a piedi, partendo dal Convento dei Passionisti di Monte Fogliano,attraversando uno splendido bosco di faggi, cerro e castagno.

Via Francigena Lazio | Trekking ed escursioni Viterbo| Escursioni Viterbo
Via Francigena Lazio | Trekking ed escursioni Viterbo| Escursioni Viterbo

Tempio di Demetra

Piccolo santuario semiscavato nella roccia tufacea viva, il Tempio di Demetra è posto a Vetralla, nel bosco delle Valli, facilmente raggiungibile dalla strada provinciale per Blera, attraversando il bosco lungo il suggestivo sentiero tra roverelle, cerri e pareti rocciose.

Il tempio è rappresentato da una piccola cella all’interno della quale è stata rinvenuta la statua di Demetra, dea propiziatrice della fertilità.

Grotta Porcina

La Necropoli Etrusca di Grotta Porcina è un sito ricco di storia e di dettagli che vale la pena scoprire. Nella sua area sepolcrale, oltre ad un grande tumulo ed alle tombe rupestri minori, c’è un edificio unico in tutto il territorio etrusco conosciuto, dedicato al culto dei defunti. E’ stato il teatro di rituali molto particolari, cui assistevano gli spettatori sui  gradoni tuttora presenti.

Necropoli di Norchia

Affascinante sito archeologico preistorico, etrusco, romano e medievale, Norchia è una spettacolare necropoli sorta sulla sommità di un’altura di tufo, le cui origini risalgono all’Età del Bronzo. Nel periodo della dominazione etrusca, tra il IV e il III secolo a.C., l’antica città di Norchia visse il suo periodo di massimo splendore diventando uno dei più importanti centri dell’Etruria. A testimonianza di questo le migliaia di tombe rupestri disseminate sull’altura e lungo i fianchi dei fossati che la delimitano e che ha fatto di Norchia il sito etrusco più affascinante dell’Italia centrale.

La necropoli rappresenta l’unica necropoli rupestre europea, paragonabile per importanza al sito di Machu Picchu in Messico.

Via Francigena Lazio | Trekking ed escursioni Viterbo| Escursioni Viterbo
Via Francigena Lazio | Trekking ed escursioni Viterbo| Escursioni Viterbo